Visite guidate di studio giardini botanici e dei semplici



Visita al giardino alpino del Cansiglio

DOMENICA 26 GIUGNO 2016




dalle ore 09,45 alle ore 12,30

Corso di Naturopatia 2014-15
Il giardino botanico del Cansiglio, è stato creato nel 1972 ed è una “raccolta” di piante tipiche della zona Alpina e sub Alpina suddivise a secondo degli ambienti presenti tipici delle prealpi bellunesi-trevigiane. Nel giardino botanico sono raccolte oltre 700 specie di piante presenti in modo particolare nell'area del Cansiglio e Col Nudo-Cavallo, suddivise per ambienti
come la pecceta, gli ambienti umidi, la lama (stagno), le torbiere…in un percorso educativo e botanico d’estrema
Dott.ssa Silvia Nogarol
rilevanza, dove le zone “naturali” sono completate da singole aiuole trasformate in veri e propri habitat perfetti per lo studio delle piante direttamente nei luoghi in cui
vivono. La moderna
rappresentazione in aiuole-habitat permette ai visitatori di conoscere ed apprezzare ambienti che ormai si stanno facendo rari e in
alcune zone sono del tutto scomparsi. 

Dal tempo della sua istituzione, l’area è stata ampliata  grazie all’annessione di un’interessante zona carsica con doline e un piccolo inghiottitoio naturale (Boral del Giaz),
alla creazione di uno stagno o Lama, che rappresenta un caratteristico luogo umido del Cansiglio con le relative specie igrofile ed acquatiche e al completamento della rete di sentieri che collegano le varie parti.
Vittorio Alberti Naturopata
Dal punto di vista erboristico-botanico le specie sono numerosissime come: ribes nigrum, vacciniun vitis i., viburno lantana, bardana selvatica (arctium nemorosum),  rubus idaeus, carlina acaulis, atropa belladonna, peonia officinalis, pino mugo, tilia cordata, arnica montana, aconitum napellus, hieracium pilosella, polmonaria officinalis, quercus pubescens, gentiana lutea, satureja montana, veratrum nigra ed alba, taxus bacata, digitaal,e grandifolia, fagus silvana, allium victorialis, drosera rutindifolia (nella zona della torbiera acida), salix serpyllifolia, crataegus monogyma, pinus silvestris, echinacea purpurea (esperimento di adattasbilità nuove specie) verbascum thapsus ecc.

L’importanza di questo giardino non è solamente botanica, ma risiede nella sua struttura intesa come spazio “culturale”, estremamente adatto per potersi avvicinare e conoscere le piante spontanee e officinali, difatti durante il periodo di apertura (da metà giugno  metà settembre) è presente con dei corsi e giornate botaniche di studio.

Contributo di partecipazione: 10,00 € + biglietto colettivo (1 € a persona)
A tutti i partecipanti,  sarà inviata per e-mail la mappatura completa del giardino con le schede tecniche d’ogni pianta illustrata. 


Scuola di Naturopatia Hermete 
Centro Ricerca Piante Officinali Veneto 
Dott.ssa Silvia Nogharol Naturopata Vittorio Alberti Naturopata e Fitopreparatore

Prossimi appuntamenti:
17 luglio visita guidata al giardino delle Alpi Orientali - Nevegal Belluno
05 agosto visita guidata al giardino dei semplici ed arbusteto di Brentonico - Trento 

Come arrivarer al giardino Botanico Alpino 
del Cansiglio

















 

Commenti

Post popolari in questo blog

Allergia al Nichel Naturopatia Medicina Naturale

Tingere colorare i tessuti