Estate ed Alimenti sbagliati per l'intestino




Luglio il mese del tormento



Come ogni anno a metà luglio si verifica un vero dramma per molti consumatori... Ignari delle caratteristiche di molti alimenti si trovono  in una situazione incomprensibile nella quale, senza motivo apparente, il loro intestino è impazzito.

La natura ha le sue regole e come le stagioni si susseguono anche il nostro metabolismo muta, cambia e si adatta.

Se nel periodo invernale avremo una dominanza del sistema autonomo-vegetativo Parasimpatico che ci porta una maggiore "quiete" ... calma e rallentamento (questo spiega il motivo perchè molte persone d'inverno aumentano di peso), d'estate si attiva il sistema Ortosimpatico-adrenalinico il quale "velocizza" il tutto.
Voglia di muoverci, di fare attività fisica, di stare all'aperto ecc. tutte cose meravigliose se trovano un soggetto in perfetto equilibrio e in totale calma spirituale...ma se  incontra una persona che è in attesa delle ferie e quindi ha "sulle spalle" 12 mesi di stress e di preoccupazioni determinerà una maggiore contrattura di tuti i muscoli e specialmente dell'apparato digerente "stomaco-intestino.
Se questo non bastasse "inconsciamente" già da alcuni mesi abbiamo mutato la nostra  alimentazione con cibi decisamente di difficile assimilazione o che per loro natura infiammano l'intestino.

Abbiamo iniziato a maggio aumentando 
  1. lattuga (ricca di cellulosa), 
  2. pomodoro  (molto acidificanti dell'intestino)
  3. cetrioli, melone anguria (piante curcubiraceae molto indigeste)

Se questo non bastasse molte persone assumono maggiori gelati (latte + zucchero) e bibite gassate che acidificano il nostro apparato digerente.

In poche parole un vero terremoto.

Un intestino molto infiammato ineluttabilmente rischia di infiammare il bassoventre con
problematiche alla vescica, ovaie o prostata.

COSA FARE????

Iniziamo a diventare saggi riducendo drasticamente tutte le piante che infiammano l'intestino (lattuga, pomodoro, "peperoni", peperoncino, cetriolo, melone, anguria) ed aumentiamo l'uso di riso integrale o semintegrale (ottimo per disinfiammare l'intestino) pasta integrale di farro, miglio, quinoa.

ARGILLA
L'uso dell'acqua depurata con argilla è un vero toccasana dell'apparato digerente.
Modalità: mettete un cucchiaio d'argilla  in una caraffa di vetro vuota, aggiungete l'acqua (meglio un oligominerale con un residuo fisso inferiore a 100 mg.), mescolate velocemente e lasciate decantare il tutto per una notte.
Usate l'acqua così depurata durante tutto il giorno...ripetere per almeno una settimana.

FITOTERAPIA
Noi da più di 40 anni usiamo un composto di gemmoderivati e macerati alcoolici
Fitopreparato vaccinium mater = composizione:

Vaccinium vitis idaee (gemmo) azione elettiva antinfiammatoria dell'intestino...attività secondaria farmacologica decongestionante delle vie urinarie.
Iperico perforato (Macerato idroalcolico) : azione sugli epiteli, cicatrizzante delle mucose dell'apparato digerente .
Melissa  officinalis (Macerato idroalcoolico): riduce, da parte dello stomaco, la produzione dell'acido cloridrico...il cui eccesso potrebbe ulteriormente congestionare l'intestino.
Valeriana officinale (Macerato idroalcolico): azione antispastica dell'apparato digerente.
Modalità d'uso: 40-50 gocce in poca acqua prima dei tre pasti.

In questo progetto di calmare i "lampi e tuoni" del nostro intestino è cosa opportuna lavorare con un Magnesio evoluto e frazionato (mai i cloruri che acidificano l'organismo).

Magnesio C
è un composto di quattro tipi di magnesio:
Magnesio carbonato e citrato per deacidificare l'apparato digerente congestionato ed evitare l'effetto tampone, da parte del nostro organismo, che porta alla sottrazione di calcio e magnesio dalla "massa ossea".

Magnesio  gluconato: è un magnesio legato all'acido gluconico, che deriva dal glucosio, che permette di sciogliere e rendere disponibile il magnesio in organismo, come il nostro, a base acqua.
Magnesio pidolato: è un magnesio legato ad un derivato dell'acido glutamico (aminoacido essenziale) che ci dà una biodisponibilità del 90%.
Vitamina C da rosa canina: la vit. C è il fissante nel metabolismo Calcio-Magnesio.
Vit. B6 (piridossina) da lievito: è la vitamina che permette al nostro organismo di produrre numerosi neurotrasmettitori fondamentali per la trasmissione delle informazioni tra neurone e neurone... in poche paroile come detto non un semplice e banale Magnesio da inconsapevoli ma un Magnesio evoluto, perchè noi dobbiamo usare i saperi.
Modalità d'uso: 1 capsula prima dei tre pasti (fare cura per 2 mesi)

INFUSI
Si potranno usare composti di piante antifermentative (carminative)
Finocchio + anice + coriandolo + camomilla ecc.
Infusi da assumere durante e dopo i pasti.


Per ultriori info o chiarimenti:
Centro Ricerca Piante Officinali Veneto 366 4595 970
Vittorio Alberti Naturopata Erboristeria Armonia Feltre e Quero Vas BL
Dott.ssa Silvia Nogarol Naturopata Erboristeria Hildegard Vittorio Veneto

Commenti

Post popolari in questo blog

Allergia al Nichel Naturopatia Medicina Naturale

Tingere colorare i tessuti