Grande Successo della  Prima Festa dell'Alchimia

LEZIONE SUI PRINCIPI DELL'ALCHIMIA

Domenica 01 luglio 2012 presso il Parco del Ristorante "LA CASA DELLA BUONA STELLA" sul Montello, comune di Montebelluna, si è svolta la Festa dell'Alchimia con un'importante partecipazione sia di appassionati sia di neofiti (nuovi nati) di fitoterapia ed Alchimia, in un ambiete stupendo ed in una giornata radiosa.

Il corso teorico è stato tenuto da Vittorio Alberti del centro ricerca Piante Officinali di Belluno, erborista e  fitopreparatore con una trentennale esperienza e guida botanica dei giardini alpini.

Il corso si è svolto in due parti.
La via Iniziatica

MATTINA

Storia dell'Alchimia
I principi Alchemici
Le basi Astrologiche
I metalli

Fitoterapia:
macerati idroalcoolici secondo la farmacopea francese;
Macerati da gemme e tessuti embrionali;
Gli oli essenziali.


DISTILLAZIONE DI PINO MUGO

PRANZO VEGANO

Marco Boscarato della Casa La Buona Stella ha cucinato attraverso il potere creativo degli elementi acqua, fuoco, aria e terra, nel segreto della cucina e dentro i suoi crogioli, ha trasmuta ciò che la natura gli ha regalato in un pranzo stupendo dai profumi e sapori d'orto, piante balsamiche e pregiate spezie.


POMERIGGIO
Le tinture Spagiriche 

La distillazione degli oli essenziali
Alla ricerca della Quintessenza

Parte Pratica Laboratorio 
con la partecipazione di Albino e Roberto di RADIS Pratiche di Trasformazione

Distillazione di Pino Mugo
descrizione delle fasi della distillazione.
La Calcinazione di Celidonia
Roberto ed Albino di RADIS


Tinture Spagiriche a macerazione a freddo

La macerazione delle piante dovrà avere un rapporto 1:5  tra droga e solvente alcoolico (vedi proporzioni alcol nelle Tinture Madri).
Le piante appena colte e velocemente tritate, saranno  "sposate" con una soluzione alcoolica a 65° (vedi scheda gradaz. alcoolica e piante) in un contenitore di vetro ( grandi barattoli o damigiane) che verrà ben chiuso.
Ogni giorno veranno  mescolate, con l'accortezza che le piante dovranno rimanere sempre coperte dal nostro Mercurio (alcool). La Macerazionedovrà durare almeno 21 giorni o multipli di tre visto che il cristianesimo è una religionme trinica.

LA CALCINAZIONE DI CELIDONIA
La calcinazione
Dopo il periodo di macerazione (Opera in nero), la tintura verrà separata dalle piante di macerazione con un triplo filtraggio. I tre  "residui" del filtraggio (le piante macerate)  verranno riuniti per essere messi ad essiccare. Quando saranno ben secchi, verranno messi, in un contenitore, sopra il fuoco (meglio fare questa operazione all’aperto) finché la “materia” verrà carbonizzata…si continuerà a riscaldare finché la “materia” carbonizzata si trasformerà in cenere bianca uniforme e  dall’odore acre e pungente.
La calcinazione (Opera in Bianco) ancora bollente sarà aggiunta alla nostra “tintura” chiudendo bene il tutto.
Dopo 9 giorni si ripeterà il triplo filtraggio e la calcinazione, la quale sarà messa a maturare nella tintura per 9 giorni per poi essere, per la terza volta filtrata e calcinata.
Si filtrerà il tutto per l’ultima volta ed il contenuto del filtro sarà un sale insolubile, il quale potrà essere riconsegnato alla madre terra o messo da parte per altre preparazioni spagiriche.

CALCINAZIONE
Rotazione:
La nostra tintura a questo punto dovrà essere messa in un “pellicano” od in un refrigeratore, scaldando il tutto per alcune ore (o tutto il giorno) il modo tale che la nostra tintura evapori per poi essere refrigerata e condensata ritornando ad essere riscaldata ed evaporata….il procedimento di riscaldamento verrà interrotto per lasciare il tutto a raffreddare per poi essere ripreso il procedimento per sette volte.


Essenze Spagiriche prodotte da fermentazione.

Si parte da piante fresche finemente tritate e messe in un contenitore di grandi dimensioni con l’aggiunta di acqua di sorgente e lievito di birra ed il tutto lasciato a fermentare con il recipiente chiuso.

L'OPERA IN NERO SI TRASFORMA IN BIANCO
Quando l’insieme non produrrà più bollicine del gas la fermentazione, sarà conclusa la macerazione e l’alcol prodotto (alcol nascente) dalla fermentazione avrà estratto lentamente e delicatamente “il nostro zolfo alchemico” (oli essenziali e “principi attici”) a questo punto, al nostro prodotto verrà aggiunto il 15% di alcool a 95° ed il tutto verrà  delicatamente e lentamente distillato. 

Il distillato sarà momentaneamente e ben chiuso messo da parte per poi essere riunito con le piante calcinate della distillazione (la prima) e lasciato il tutto maturare per 9 giorni per poi essere 3 volte filtrano, arricchito con il 15% di alcool a 95 gradi per essere per la seconda volta ridi stillato e così via per tre volte. Alla fin e la nostra quintessenza sarà posta  nel “pellicano” per la rotazione che può durare anche per 9 settimane.

FINE DELLA CALCINAZIONE


Chiedo venia per la sintesi.
Grazie a tutti i Partecipanti





Vittorio Alberti  Erborista  Fitopreparatore – guida botanica ai giardini alpini

Erboristeria Armonia
Via Nazionale n. 74 b  32030 – Quero (Bl) Tel. 0439 788443 cell. 366 45 95 970

e-mail: armonia.salute@fastwebnet.it

http://centroricercapianteofficinali.blogspot.it/


MARCO BOSCARATO della CASA LA BUONA STELLA - MONTELLO

LA CASA LA BUONA STELLA TRA NATURA E VIGNETI






























Commenti

Post popolari in questo blog

Allergia al Nichel Naturopatia Medicina Naturale

Tingere colorare i tessuti